12 dicembre 2013

Lavarsi con le farine

Hai la pelle estremamente sensibile? Una cute problematica?
Oppure vorresti semplicemente trovare un metodo più delicato e ecologico per detergerti?


La risposta, anche questa volta, potrebbe essere più vicina di quello che pensi: in cucina. Molti tipi di farina infatti si rivelano degli ottimi detergenti, sia per il corpo che per i capelli; il lato positivo poi è che si tratta di detergenti molto delicati, privi di quelle sostanze potenzialmente irritanti presenti nei detergenti sintetici e soprattutto completamente e rapidamente biodegradabili.

La farina di avena (molto delicata) e quella di ceci (leggermente più aggressiva, più indicata per i capelli) sono quelle più consigliate, ma quasi tutte le farine di cereali e legumi (ad eccezione di quella di frumento, difficile da sciacquare) si prestano ad essere utilizzate in questo modo.
Ancora una volta la preparazione è molto semplice: non dovremo fare altro che mescolare in una ciotola un paio di cucchiai della farina prescelta con acqua sufficiente a formare una pastella né troppo liquida né troppo densa, e utilizzarla poi sotto la doccia al posto del comune shampoo o bagnoschiuma; l'unica accortezza sarà quella di sciacquare bene i capelli dai granelli di farina, che potranno comunque essere rimossi facilmente con la spazzola, una volta che i capelli saranno asciutti.
Per arricchire la preparazione, potremo aggiungere un cucchiaino di olio vegetale oppure sostituire parte dell'acqua con gel di semi di lino o di aloe, o anche poche gocce di olio essenziale.


Nessun commento:

Posta un commento