24 aprile 2014

"La Sartoria Vagante", abbigliamento e accessori artigianali ed eco-bio

 
In un'epoca di centri commerciali e anche centri storici dominati da negozi di abbigliamento delle solite poche catene e di mercati invasi dai cinesi la ricerca di capi e accessori vegan ed il più possibile etici sotto gli altri aspetti (rispetto per l'ambiente, per i diritti dei lavoratori ecc.) si unisce a quella di nuove parti del guardaroba che ci permettano di costruire e valorizzare uno stile unico e personale, per distinguerci dai tanti cloni che si vedono per strada. Sono tutto questo le creazioni della Sartoria Vagante: abbigliamento, accessori e bigiotteria vegan friendly, confezionati a mano pezzo per pezzo con tessuti eco-bio.
 
 
La stilista, e sarta, è Federica Novelli, che racconta: "Con l’aggravarsi della crisi economica – ma soprattutto sociale - in cui viviamo ed annoiata dai vari contratti di tre mesi in tre mesi, ho pensato che se avessi dovuto vivere nell’ incertezza del futuro lavorativo, tanto valeva rendermi responsabile di ogni mia  decisione." Nel 2011 è nata quindi La Sartoria Vagante", vagante appunto perché itinerante, soprattutto in Toscana, per fiere e mercati di prodotti di qualità.
 
Inizialmente il focus era sul biologico, ma in breve tempo la produzione, che resta bio ed ecologicamente sostenibile, è diventata completamente vegan, con l'esclusione quindi di qualsiasi prodotto di origine animale.
 
Federica si considera un'autodidatta "perché ho sempre bisogno di provare, riprovare e capire da sola come realizzare e rifinire ogni capo che produco" ma ha alle spalle il corso di Fashion Designer al Polimoda di Firenze e un corso di Sartoria alla scuola Trimoda. È un'appassionata di moda,  "non come una “fashion victim”, ma semplicemente come persona attratta dai cambiamenti, dalle forme, dai colori, dal lato artistico di ogni creazione, adattata però, alle esigenze di tutti i giorni."
 
 
 
I suoi capi non solo sono realizzati con ottimi tessuti (sappiamo tutti bene quanto siano morbidi e piacevoli da indossare i tessuti eco-friendly!), hanno forme alla moda ed attuali senza rinunciare a praticità e comfort. "Le ispirazioni sono molteplici; di solito il modello mi viene in mente guardando il tessuto stesso, e poi, pensando alle forme proposte nel periodo in questione, alla facilità e spesso alla versatilità di utilizzo di un capo, e dal mio gusto personale, fondamentale in tutto ciò che realizzo!"
 
La collezione di abiti è completata da tantissimi accessori: collane, cinture, foulard, orecchini, fasce per capelli eccetera - le parti metalliche di orecchini ed anelli sono nickel free.
 
 
 
Federica abita a Gambassi Terme, nel cuore della Toscana, a pochi chilometri da Certaldo e San Gimignano, e partecipa con il suo stand a vari ma selezionati mercati Contadini ed Artigiani, e anche fiere ed eventi vegan, nell'arco di circa 60 km (province di Firenze, Siena, Pisa, Livorno…) e con la bella stagione si sposta verso il mare. Sulla bacheca della pagina facebook vengono pubblicati ogni giovedì o venerdì gli appuntamenti del fine settimana.
 
Si può ordinare anche via web qualcosa che si è visto sulla pagina della Sartoria Vagante, se è ancora disponibile o se c'è la possibilità di riprodurlo. I prezzi non vengono pubblicati su Facebook per non rischiare, essendo una questione poco chiara legalmente. Comunque, per avere un listino, per acquistare e per qualsiasi informazione si può contattare Federica tramite Facebook, per e-mail all'indirizzo federica.novelli@gmail.com o se si tratta di una cosa urgente anche per telefono al 339-8146659.

 
 

3 commenti:

  1. Ciao a tutte!
    Vorrei cogliere l' occasione per ringraziare pubblicamente Evelina per il suo splendido articolo sulla "Sartoria Vagante". E' stato un lungo lavoro far partire questo progetto, sia materialmente che mentalmente: gli scogli da superare sono stati tanti, ma alla fine ce l' ho fatta, ed oggi, sono felicissima di come sta procedendo questa avventura!
    Vorrei inoltre rassicurarvi che quando leggete che "i prezzi non vengono pubblicati su Facebook per non rischiare, essendo una questione poco chiara legalmente", ci si riferisce al fatto che non ho partita iva, ma una semplice autodichiarazione delle opere del proprio ingegno, ovvero una autocertificazione in cui metto nero su bianco che le mie proproste sono frutto delle mie idee e della mia manualità, e che quindi non c' è "commercio" ma artigianato. Dunque, non commettete nessun reato ad interessarvi alle mie creazioni, che per info, in linea di massima vanno dai 25€ ai 40€ ( per l' abbigliamento, mentre gli accessori hanno prezzi inferiori), costi accessibili per tutte, considerando i materiali, i modelli e le rifiniture!
    Cosa aggiungere, se non che vi aspetto in piazza, oppure on-line sulla pagina della Sartoria Vagante!! Un abbraccio, Federica.

    RispondiElimina
  2. Grazie a te Federica!
    In effetti rileggendolo non è chiarissimo: da quello che ho capito i prezzi su facebook non andrebbero pubblicati in genere, neanche da parte dei negozi, anche se poi molti lo fanno.
    Siamo contente di aver parlato della Sartoria Vagante!
    Evelina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, infatti...credo che non sia "legale" mettere i prezzi su fb, in quanto non è un sito di e-commerce, ma una piattaforma sociale con altro scopo!! Per questo io non li metto, ma è una pura ragione "burocratica", perchè tra scriverli pubblicamente o darli su richiesta, credo cambi ben poco!! ;)

      Elimina